Zibaldino

L’inciucio mortale

3 Ottobre 2006>

Ho parafrasato il titolo di un libro del noto filosofofo esistenzialista Kierkegaard  “La malattia mortale”, i cui temi sono l’ angoscia e la disperazione.

Non  voglio fare della filosofia ,ma soltanto riflessioni sull’evolversi   della situazione italiana e mondiale verso una islamizzazione di massa.
Fino ad oggi, il marxismo,  resosi conto della difficoltà di abbattere la chiesa con uno scontro frontale, si era adattato ad infiltrazioni nell’apparto ecclesiastico ,usufruendo di prelati compiacenti e di fedeli sprovveduti, cioè i cattocomunisti; loro si fanno chiamare “cattolici adulti” ,adulti di età, ma non certo di cervello.

 Il compromesso, raggiunto sulla base di un’ attenuazione dell’ateismo e del materialismo storico da una parte ed un accoglimento del socialismo reale dall’altra, ha prodotto una squallida collaborazione protrattasi per anni. In pratica due zoppi ,che si sorreggono l’un l’altro e che insieme hanno portato l’attacco allo stato democratico ,forti di un potere persuasivo e mediatico sulle masse operaie e di fedeli. Malgrado  tutto siamo sopravvissuti, per ora, ai loro sporchi affari.

La progressiva perdita di credibilità della chiesa, grazie anche ai cattocomunismi e il crollo del socialismo reale,  hanno comportato un certo ripensamento, da parte loro, sul rapporto “d’affari”intrapreso, anche alla luce  della nuova emergenza mondiale: il ritorno di una vecchia realtà,il fondamentalismo islamico. La corsa a saltare sul carro dei probabili vincitori si è aperta sia nei marxisti ,che nei cattocomunisti.

Vi sono alcuni filosofi marxisti, tra cui Roger Garaudy ,che si sono convertiti all’islam, con lungimiranza, forse interessata, avendo individuato il punto in comune del comunismo con l’islam : la conquista del potere, in modo anche violento. per la formazione di uno stato dittatoriale. In pratica sostituire la dittatura del proletariato con la sharja.

Ilich Ramírez Sánchez detto Carlos (noto terrorista istruito a Mosca) a tale proposito è molto chiaro.

«L’assenza del sacro ha marcato il limite del marxismo perché l’ha ridotto a una religione dell’uomo. Se il marxismo avesse introdotto una dimensione trascendentale, si sarebbe imposto ovunque».

«il cristianesimo si è sfaldato e la sola barriera contro la decadenza morale resta l’islam», perché «l’islam, accelerato dal venir meno della Chiesa e dallo scacco del socialismo reale, è una chance per l’Europa», perché «l’islam è per gli europei il solo modo di salvaguardare i loro valori», perché «rappresenta l’ultima forza spirituale suscettibile di opporsi con successo all’idolatria mercantile… L’islam conferisce alla via rivoluzionaria una dimensione spirituale e morale, assente nella dottrina marxista-leninista burocratizzata, e per questo oggi costituisce la punta di lancia dell’aspirazione rivoluzionaria, ma il sentimento di rivolta esiste indipendentemente dall’islam, il quale è obiettivo primario del nemico perché è l’élite consapevole impegnata contro il totalitarismo liberale».

A parte che ci dovrebbe spiegare come fa un totalitarismo ad essere liberale, è evidente che, dopo il crollo del comunismo, bisogna cercare nuovi pseudoideali, nuove forme di rivoluzione anche a costo di diventare religiosi! Il fanatici che hanno scelto prima il marxismo e poi l’islamismo per il riscatto della classe proletaria ,non hanno capito che, instaurare un stato dittatoriale teocratico, non è la strada per poter portare il benessere ai popoli e viene il giustificato sospetto, che non si voglia far raggiungere questo benessere .Un popolo che sta bene ed è libero non fa rivoluzioni,ma tutt’al più le subisce.

Speriamo di avere la forza di spezzare questo inciucio, di evitare questa malattia mortale, ma l’angoscia non manca.

| 11 

Commenti

 commento lasciato da Anna    il 4 Ottobre 2006 alle 6:42
Molto interessante questa tua analisi che, per certi aspetti mi ricorda le affermazioni del noto padre gesuita esperto di Islam, p.Samir Kalil Samir, quando dice che l’esplosione islamica è stata favorita da un indebolirsi dell’identità cristiana.
Ho qualche dubbio quando identifichi i cattolici adulti alla Prodi o alla Bindi con il cattocomunismo.
Mi pare che i suddetti si siano definiti cattolici adulti solo per sottolineare la lora autonomia rispetto alle posizioni della Chiesa; e quindi più che marxisti o comunisti sono semplicemente persone senza identità cattolica: sono solo persone che hanno come idolo (=dio) il proprio io e il potere.. quindi tutto è funzionale alla conquista e al mantenimento del potere, cui sacrificano lo stesso dio cristiano che dovrebbero invece amare e servire.Ciò è tanto più disonesto in quanto coinvolge molte persone in buona fede.Esistono poi anche i cattocomunisti, o cattopacifinti o cattovattelapesca, che pare adesso siano meno in vista perché contro il comunismo al potere non hanno più da fare girotondi o sventolare bandiere multicolori.Quanto all’angoscia sono perfettamente d’accordo con te, con una piccola differenza: che io so che l’inciucio mortale non sarà l’ultima parola sulla nostra vita e sulla storia. Perché c’è Uno che ci ha salvato e continua a salvare le nostre vite, anche davanti alla sofferenza e alla morte, perchè è risorto e sta sempre con noi fino alla fine del mondo. Basta solo riconoscerlo.
Ciao
link
 commento lasciato da Sarcastycon2    il 4 Ottobre 2006 alle 7:23
Cara Anna la tua analisi sui cattolici adulti mi sembra centrata ,più della mia perchè io non frequento certi ambienti……
Per quanto riguarda la ns sopravvivenza, ammiro la tua fede ,ma ti debbo ricordare le invasioni dei “mori” e il loro dominio secolare su parte dell’europa.
se poi l'”ultimo giorno” tutto ritornerà nella “normalità” e giustizia sarà fatta ,ho paura che ,almeno per me, sia troppo tardi.
ciao a prestolink
 commento lasciato da Anna    il 4 Ottobre 2006 alle 7:42
No, la cosa più importante per un cristiano, cioè seguace di Cristo, non è la sopravvivenza fisica, ma l’amore alla Verità.
Ricordi san Francesco e il cantico delle creature? ricordi sora nostra morte corporale che a nullo omo vivente può far male? (secondo le mie reminiscenze scolastiche)
Il che non toglie che la morte sia dolorosa, ma non è l’ultima parola sulla nostra vita e sul nostro destino.
Anche sulla tua vita e sul tuo destino, perché la Verità non è solo per chi la riconosce, ma per tutti (altrimenti che verità sarebbe?)
 commento lasciato da Anna    il 4 Ottobre 2006 alle 11:31
ps: ho trovato un articolo interessante sul “cattolico adulto”: l’ho postato sul mio blog perché chiarisce le idee anche in relazione a quello che certi ambienti ecclesiali hanno fatto durante il concilio.
 commento lasciato da sarcastycon    il 4 Ottobre 2006 alle 18:48
Cara Anna
dal tuo punto di vista hai sicuramente ragione,ma ti chiedo e se tutti i cristiani “morissero” che fine farebbe il cristianesimo?
ciao
 commento lasciato da Anna    il 4 Ottobre 2006 alle 21:6
Domanda bizzarra…In genere si risponde a delle domande su fatti accaduti non su quelli che potrebbero accadere.
Finora non è mai accaduto che tutti i cristiani morissero.
A meno che… a meno che non vogliamo pensare alla Cina dove a un certo punto ci fu una terribile mattanza di cristiani (non chiedermi l’anno perché non me lo ricordo). Dopo una cinquantina d’anni arrivò un missionario e trovò una piccola comunità sotterranea che era sopravissuta senza preti e strutture: si trattava delle famiglie degli aguzzini degli ultimi cristiani che, colpiti dalla serenità con cui le vittime avevano affrontato il martirio, si erano convertiti.
Comunque finchè ci sarà vita sulla terra resterà sempre un piccolo resto fedele al Cristianesimo, anche se fosse una persona sola.
Poi credo che sarebbe terribile per i sopravvissuti, perché non ci sarebbe più nessuno che comunica la salvezza che il Figlio di Dio è venuto a portare ad ogni uomo.
Ma come ho detto: chi può sapere quello che deve avvenire?
Ciao!
Ps: ho continuato a obiettare alle tue affermazioni nel mio blog… ma se non ne hai più voglia lascia pure perdere (sai, a me piace discutere ad oltranza!!!!!)
 commento lasciato da Sarcastycon     il 4 Ottobre 2006 alle 21:42
discutere ad oltranza…oltre un certo limite potrebbe essere sterile.
resta cmq il fatto che la dialettica mi piace molto ehm, per cui
ti leggo sul tuo blog.
link
 commento lasciato da torietoreri.splinder.com    il 7 Ottobre 2006 alle 18:54
Perchè dobbiamo per forza “etichettarci” a vicenda? cattocomunisti, cattopacifisti, cattolici adulti?. Non sarebbe meglio ritrovare una comune matrice cristiana, che travalica queste chiusure? Anche chi non crede potrebbe ritrovarsi in valori umani, che non siano confinati in pregiudizi. Ciao, apprezzo i tuoi post, anche se non sono d’accordo con la maggior parte di essi.
 commento lasciato da sarcastycon2     il 7 Ottobre 2006 alle 21:35
x torietoreri
ti ringrazio per il tuo apprezzamento,
io cerco di essere più obbiettivo possibile,compatibilmente con la mia formazione agnostica e di spirito libero(libero nel senso di privo di condizionamenti politici ,religiosi, filosofici ect.)Tutto questo va in contrasto con chi ,invece, parte da una fede religiosa o politica che sia.
Ritengo che, date le circostanze, sarebbe opportuno stringere le fila . Per discutere c’è sempre tempo…..forse, se rimaniamo liberi….link
 commento lasciato da Anna    il 8 Ottobre 2006 alle 11:28
Sono convinta che ci sia un punto di incontro con tutti, che rende possibile il dialogo tra persone di buona volontà.
E si tratta di quelle esigenze originarie ed elementari di giustizia, bellezza, bontà, verità, amore, delle quali la natura (o Dio per i credenti) ci dota per affrontare tutta la realtà.
In questo senso è possibile stringere le fila: se ci stringiamo intorno a ciò che è innegabilmente giusto, vero e buono. Naturalmente non è facile ritrovarlo tra i detriti dei nostri pregiudizi e della nostra istintività non giudicata. Ma con un po’ di impegno è possibile per tutti.
Ciao!
 commento lasciato da sarcastycon    il 9 Ottobre 2006 alle 12:14
Riporto ,per comodità un mio post del 29/03/06.
La destra e la sinistra israeliane non sono paragonabili alle quelle italiane ,miseramente squallide e patetiche. Nel momento del pericolo ,in Israele, sono tutti compatti nella difesa della loro identità di popolo,di civiltà e di religione. Facciamo presto, noi europei, a parlare di pace: non siamo circondati da orde barbariche di fanatici che dicono a chiare lettere :”Vi vogliamo eliminare”.Facciamo,però, molta attenzione ,noi europei , perché, dopo un eventuale crollo di Israele toccherebbe a noi. E’ già in atto un’invasione strisciante, che gli pseudopacifisti nostrani chiamano società multietnica. Invasione auspicata da miopi politici ,che vedono in essa un serbatoio di voti :per meglio fare i loro loschi affari. Non sono ebreo , ma ammiro gli israeliani , la loro fierezza di popolo che crede nei propri valori e che, soprattutto, ha ancora dei valori. La stragrande maggioranza degli europei, pseudocristiani , pseudolaici, pseudointelletuali , ma sicuramente smidollati, non ha più valori ,non ha più fierezza ,che non vuol dire aggressività ma semplicemente la consapevolezza della propria Cultura ,della propria Civiltà. Nel ciclo vichiano siamo in vista del fondo : per colpa nostra .

Annunci

16/10/2006 - Posted by | Varie

2 commenti »

  1. Today, while I was at work, my sister stole my apple ipad and tested to see if it can survive a twenty five foot drop, just so she can be a youtube sensation.
    My apple ipad is now destroyed and she has 83 views. I know this is
    completely off topic but I had to share it with someone!

    Commento di Online Casino | 01/03/2013

  2. I’m really enjoying the design and layout of your site. It’s a very easy on the eyes which makes it much more enjoyable for
    me to come here and visit more often. Did you hire out a designer
    to create your theme? Excellent work!

    Commento di Vind en iPad 3 - Den nye ipad - fri for omkostninger? | 12/03/2013


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...