Zibaldino

Una giornata strana vissuta molti, molti anni fa.

Negli anni cinquanta   abitavamo vicino ad Arezzo, non lontani dal convento dei frati cappuccini. Nelle famiglie cattoliche di allora era “cosa buona e giusta” avere un consigliere spirituale; nella fattispecie impersonato da Padre Giovanni. Un vero francescano che viveva nella povertà più assoluta .Indossava un saio liso ma pulito. Una magrezza, da far paura, dovuta ai lunghi digiuni. Un’ intelligenza viva ed una grande cultura, non solo religiosa, che tuttavia non ostentava . Sapevamo che il convento era molto povero, pertanto a volte,  Padre Giovanni era da noi a pranzo. La sua conversazione era sempre piacevole e profonda , la sua fede era incrollabile ma non prevaricatrice. Capitò un giorno, che ci disse, dopo pranzo, di non potersi trattenere perché aveva molta strada da fare. Alla domanda dove fosse diretto ci rispose: a Siena. Da casa nostra a Siena c’erano circa sessanta chilometri. Gli chiedemmo come intendesse andarci. Risposta :a piedi e aggiunse la divina Provvidenza mi accompagnerà. Dopo averci salutato partì. Rimanemmo perplessi ben sapendo che non aveva mai denaro con sé. Dopo un po’ mio padre ,che poi tanto cattolico non era , mi disse: te la senti di vestire i panni della divina Provvidenza? Prendemmo la macchina e raggiuntolo ci avviammo verso Siena. La strada di allora passava per Montesansavino ed in cima al passo ci investì in pieno un temporale . Non si vedeva più niente ci dovemmo fermare: tutto intorno tuoni, grandine e fulmini. Allora ,mio padre, professore di fisica, forse per rincuorarmi, disse: in queste condizioni la macchina si comporta come una gabbia di Faraday pertanto non c’è alcun pericolo. Il frate aggiunse :la divina Provvidenza non mi ha mai abbandonato.Sapevo perfettamente cosa fosse una gabbia di Faraday, ma vi assicuro che un conto è studiarla sui libri del liceo e un altro starci dentro!!Non osai dire ad alta voce quello che mi passò per la mente. E se la famosa gabbia non funzionasse? E se la divina Provvidenza fosse impegnata altrove? Andò tutto per il meglio. Non so se per merito della gabbia ,come sosteneva mio padre o per merito della Provvidenza, come sosteneva il frate, oppure per il caso come pensavo io.Ossia lo scienziato , il credente e lo scettico.

(è un episodio veramente accaduto)

 

Commenti

 commento lasciato da teologia    il 30 Marzo 2006 alle 6:28
interessante racconto… La Provvidenza, è una bellissima intuizione della filosofia romana (Cicerone ne parla per primo…) io credo che quel giorno era destino… Nella bibbia, nessun cattolico fervente lo asserirà, ma chi fa teologia lo sa da sempre ci sono testi nell’AT che ci danno modo di intuire che ogni nostra azione è già stabilita e preordinata… e l’arbitrio? L’arbitrio aimé non esiste!!!!
link
 commento lasciato da sarcastycon2     il 30 Marzo 2006 alle 13:13
in effetti il concetto cattolico, che nel momento in cui prendi una decisione hai il libero arbitrio, ma che Dio sa già cosa deciderai ,mi lascia perplesso.

Annunci

16/10/2006 - Posted by | Ricordi

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: