Zibaldino

E’possibile il teletrasporto ?

La questione è molto complessa , ma filosoficamente interessante.
Le vie percorribili, per arrivare ad effettuare il teletrasporto, sono sostanzialmente due .
La 1° smaterializzazione dell’oggetto ed invio di atomi e molecole insieme alle “istruzioni” in un determinato spaziotempo ,dove verrà ricostruito.
La 2° è utilizzare “materiale ” già esistente nel luogo di arrivo per costruire una copia perfetta dell’oggetto da spedire. In pratica spediamo delle “istruzioni”
L’orientamento scientifico attuale è per la seconda che pone subito due quesiti uno tecnico e uno filosofico.
E’ possibile ottenere una copia perfetta ed è legittimo identificarla con l’originale?
Non ci possiamo avvalere della relatività ,in quanto essendo nel microscopico ,ci dobbiamo avvalere della meccanica quantistica. E qui sorgono i problemi, per il principio di indeterminazione di Heisenberg,non è possibile avere misure certe contemporaneamente su tutti gli attributi delle particelle. Quindi le “istruzioni” da inviare potrebbero non essere quelle giuste per ricostruire esattamente l’oggetto.
Tuttavia esperimenti di teletrasporto di un fotone sono stati fatti e con successo,in effetti si è sfruttato le caratteristiche dei fotoni entagled, per ricostruire a distanza lo stesso stato quantico del fotone originario. Tralasciando i dettagli tecnici, e ritornando alle implicazioni filosofiche,possiamo dire che ,ipotizzando di teletrasportare un ‘uomo, con questo sistema, avremo due soggetti con lo stesso stato quantico di tutti i suoi componenti e ,poiché i pensieri ,i ricordi,le emozioni ect,risiedono nelle proprietà atomiche e molecolari dei neuroni,avremo quindi due originali uno nel punto di partenza ed uno nel punto di arrivo, cioè due “me stesso”.
Da un “cogito ergo sum” ad un “cogito ergo sumus”?

Annunci

21/12/2006 - Posted by | Scienze

4 commenti »

  1. Una preghiera per Welby. Condividila con noi. Ciao e grazie.

    Commento di noivaldesiforum | 21/12/2006

  2. BUON NATALE a te e ai tuoi!
    Anna

    Commento di Anna | 22/12/2006

  3. Caro Sarcasycon,
    secondo l’ipotesi che hai illustrato sarebbe possibile quindi ricostruire un duplicato sano di un soggetto malato modificando opportunamente le istruzioni.
    Già mi vedo, inoltre, Paesi in guerra duplicare i soldati. Forse potrei immaginare anche la duplicazione di grandi scienziati nei Paesi democratici ma in questo caso so che mille remore più o meno giuste lo impedirebbero. Del resto non so se mi piacerebbe incontrare un’altra me stessa. Forse mi sembrerebbere di perdere qualcosa, di valere di meno … si sa la legge della domanda e dell’offerta.
    In conclusione se proprio vogliamo attivare il teletrasporto sono per la prima ipotesi.
    Intanto approfitto del teletrasporto per inviarti i miei più cari auguri di buon Natale.

    Commento di monica | 23/12/2006

  4. Cosa ci aspetta in futuro è difficile prevederlo,potrebbe essere,forse, possibile anche quello che dici tu.
    La prima ipotesi è teoricamente più difficile da realizzare ed anche più rischiosa:dovremmo prima smaterializzare l’uomo e poi trasferire i suoi componenti.
    Cmq al momento sono riusciti a teletrasportare solo un fotone,come dire un raggio di luce.
    Una macchina capace di teletrasportare migliardi di componenti non esiste,ma non esisteva neanche il computer….
    ciao

    Commento di sarcastycon3 | 23/12/2006


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: