Zibaldino

Immagini sulla “Nona” di Beethoven.

  http://video.libero.it/static/swf/eltvplayer.swf?id=61c52c40fbb5233b0ca123d44c392260.flv&ap=0

 ” … se nei primi due movimenti si liberano forze esistenziali poderosamente tese,in quello lento l’io diviene consapevole della forza del ripiegamento interiore e delle tante istanze emotive ,mentre il finale instaura per l’ultima volta nella storia della musica quella armonia tra ordine umano e cosmico divino,quale è resa possibile dalla volontà morale della personalità di Beethoven ,in un’epoca in cui lo straniamento già cominciava a profilarsi all’orizzonte. …Le sinfonie sono atti di autoliberazione ed i toni trionfalistici di alcuni movimenti finali si riconnettono al soggetto affrancato, significano il trionfo dell’io individuale, e non sull’io.” ( Stefan Kunz , (Atene 1933 – Berna 1992) già professore ordinario di musicologia presso l’università di Berna)

 

Lungi da me la pretesa di vestire i panni del critico musicale,ma alcune considerazioni lasciatemele fare.

Ognuno ha il suo metodo per giudicare un’opera o un artista, chi si attiene alla critica, chi al politicamente corretto,chi alla quotazione venale dell’opera . Io no ,per me l’estetica è il piacere del” bello”di quello che per me è bello.

Un quadro, una musica o uno spettacolo naturale mi devono trasmettere sensazioni vere, affascinanti, una sorta di via di comunicazione con l’autore in una comunione di sentimenti, solo quando si instaura questo rapporto, allora, questo per me è il “bello”.

In via ipotetica,ovviamente, non metterei un Picasso nella mia sala, ma cercherei di scambiarlo con i “Girasoli” di Van Gogh o con “La persistenza della memoria” di Salvador Dalì. Questi due quadri mi danno sensazioni forti, Picasso assolutamente no.  Così la musica, che ascolto, deve essere in sintonia con i miei mutevoli stati d’animo, deve accompagnarsi ed integrarsi con loro.

L’interpretazione del direttore d’orchestra è fondamentale , ad esempio la “Nona”, che è nel filmato, è diretta da von Karajan, ho un altro CD dove è diretta da Leonard Bernstein, apprezzabile esecuzione ma non paragonabile alla prima.

La sensazione di potenza, di gioia esplosiva di Beethoven trasmesse dall’interpretazione di Karajan sono irraggiungibili per chiunque e diamo, anche, merito all’orchestra dei Berliner philarmoniker e alla prestigiosa incisione della Deutsche Grammophon.

 

 

Questo è il testo della poesia An die Freude (Alla gioia), composta nel 1785 da Friedrich Schiller e usata da Ludwig van Beethoven per il quarto e ultimo movimento ( Presto ) della sua nona sinfonia in Re Minore, op. 125, detta Corale.

inno.jpg

 

Annunci

10/11/2007 - Posted by | Varie

5 commenti »

  1. ho smesso da molto tempo di ascoltare karajan.
    quando annusi odori strani, di nazismo nel suo caso, il fetor sepulchrorum ristagna poi in ogni dove.
    ho trovato di meglio, tutto sommato.
    che ne dici di ascoltarti Ozawa?

    Commento di carcass | 11/11/2007

  2. Non sono d’accordo,la politica è una cosa l’arte un’altra.
    E’ come se non avessi ammirato i balletti del Bolschoi ed apprezzato i cori dell’armata rossa, solo perchè erano il fiore all’occhiello del regime comunista.
    Purtroppo non possiamo sapere quale fosse l’interpretazione
    della Nona eseguita dall’autore, ma ritengo che fosse stata più in linea con quella di Karajan che con quella di altri direttori.
    La musica,a mio modesto avviso,la interpreta al meglio chi ha la stessa cultura dell’autore. Ad esempio,come intepretano le canzoni napoletane i cantanti partenopei,non vedo altri che, pur grandi artisti ed anche con splendide voci,non ci danno la vera essenza dell’anima di quel popolo una differenza, che solo chi è vissuto a Napoli, può capire.
    ciao

    Commento di sarcastycon | 11/11/2007

  3. splendido e maestoso!

    In fatto di pittura condivido i tuoi gusti!

    Picasso non dice proprio niente nemmeno a me. Mentre mi piacciono molto sia Van Gogh che Dalì.

    Perchè non lo posti in ok notizie? credo che Prokopiev lo gradirebbe! E’ un amante della musica!

    Commento di Anna | 11/11/2007

  4. No, non è una strana coincidenza: quell’immagine compare anche nella copertina di un dramma di Ibsen, “Brand” in cui si parla di un Pastore protestante che cerca di realizzare da solo la salvezza. In realtà l’arte, la vera arte è l’incontro del cuore dell’artista con il cuore dello spettatore, di qualunque spettatore abbia coltivato una certa sensibilità.
    Inoltre conosco quella mostra di cui ti parla Gaddhura: se la trovo ti do anche il link, magari più tardi.
    Buona giornata!

    Commento di Anna | 20/11/2007

  5. Ecco il link della mostra:
    http://www.clonline.org/image/mostrags/gs3.html

    E per il dramma di Ibsen:
    http://annavercors.splinder.com/post/8113698

    Commento di Anna | 20/11/2007


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: