Zibaldino

“Spe salvi” ultima spes.

        Finalmente un Papa coraggioso,un Papa culturalmente superiore,un Papa che ha le idee chiare da dove proviene l’attuale malessere della Chiesa. Il Concilio Vaticano II, grande errore di Giovanni XXXIII ,commesso per scarsa cultura e grandissimo errore di Paolo VI, che pur avendone il potere, non lo interruppe, salvo poi dire che il fumo di satana era giunto al soglio pontificio: il cancro marxista aveva corrotto molti prelati.

        Oggi la Chiesa e non solo la Chiesa, ma il mondo tutto, paga gli errori del recente passato, l’aver permesso  che ideologie negatrici dell’uomo e della Civiltà avessero voce in capitolo nella sua conduzione.

        Il credente ha bisogno, che la stella cometa che lo guida, mostri di essere una luce forte e splendente,non una flebile fiammella, sulla quale falsi prelati pseudo progressisti soffiano per spengerla.

        Oggi gravi pericoli incombono sulla nostra Civiltà: l’islam e lo sfacelo morale della società.

        Società imbevuta di falso progressismo,di buonismo che sa di vigliaccheria,di disconoscimento dei valori etici universali, di resa incondizionata ad un materialismo tanto insulso quanto autolesionista.

       La Fallaci diceva di essere un’ “atea cristiana”, io dico di essere un “agnostico cristiano”, con queste affermazioni intendiamo riconoscere quello che, negazionisti senza scrupoli, cattolici adulti nel fisico, ma feti come sviluppo cerebrale, non ammettono: le radici cristiane della nostra Civiltà.

      Ci sono personaggi, anche prelati, di molto dubbia moralità, che sono aperti a non meglio precisati valori di accoglienza, di tolleranza e, nello stesso tempo, incongruentemente, nemici della chiesa: sono solo le quinte colonne  dell’islam.

     L’ultima spes è che “tutti gli uomini di buona volontà” indipendentemente dai loro credo, si uniscano per salvaguardare la nostra Civiltà, la nostra Cultura, dalla barbarie dell’islam e dalle metastasi del marxismo.

Annunci

02/12/2007 - Posted by | Filosofia e Religioni | , , , , ,

18 commenti »

  1. non ho ancora letto l’enciclica anche se l’ho scaricata dal sito del vaticano. dedicare una enciclica alla speranza è stata una idea eccezionale, perchè è la speranza che ci permette di andare avanti nonostante tutte le atrocità che avvengono quotidianamente (sacerdoti inclusi)

    Commento di francesco | 02/12/2007

  2. Ho letto il testo. Mi è sembrato di una lucidità veramente sorprendente. L’analisi, sia pur abbastanza concisa, del percorso del pensiero occidentale che ha portato all’attuale situazione di smarrimento è sostanzialmente condivisibile, anche se la soluzione prospettata è fondata ancora una volta (ma potrebbe del resto essere diversamente trattandosi del Papa?) sull’accettazione del momento della fede rispetto a quello della ragione. Ho travato molto pregnante il discorso sul valore salvifico della speranza, vista non più soltanto come consolazione ma piuttosto come guida attiva nel cammino verso il futuro.
    E’ indubbio che il valore “teorico” di questo Papa sia decisamente e assolutamente superiore a quello dei suoi predecessori dell’ultimo secolo, con buona pace delle battute da bar che riempiono i giudizi dei suoi piccoli denigratori.

    Commento di epimenide | 02/12/2007

  3. Benvenuto Francesco

    Tu giustamente dici “la speranza”permette di andare avanti.
    Io estendo il concetto alla “speranza” di salvagurdare la nostra Civiltà,speranza su un’unità di intenti,che già Benedetto XVI aveva espresso nel discorso di Verona, rivolgendosi ai laici e a tutti gli uomini di buona volontà.
    ciao
    sarc.

    ti vengo a trovare.

    Commento di sarcastycon | 02/12/2007

  4. x Epimenide

    Sul discorso di accettazione della fede e negazione della ragione andrei cauto,parlerei,piuttosto, di ragione nella fede.
    Se hai la voglia di leggerti il mio post di un anno fa “Finalmente un grande Papa” vedrai che da subito avevo intuito le potenzialità positive del suo pontificato, ovviamente non puoi rimproverare al Papa di fare il Papa, ma l’apertura intellettuale di Ratzinger è accettabile anche da chi osservante non è.
    Ed è logico che gli atei conformisti,pressochè tutti legati a forme obsolete di vetero comunismo,Lo vedano come fumo negli occhi.
    La confusione generata,da certi “cattolici” che tutto sono meno che cristiani,a scapito e danno della chiesa stessa, deve cessare.

    Si può credere o non credere,ma oggi penso che sia più opportuno difenderci dai comuni nemici,che continuare secolari diatribe sterili.
    Credi,se vuoi credere,non credere, se non lo vuoi,ma questo non toglie che si possa fare molta strada insieme. E con questo Papa si può.

    ciao
    sarc.

    Commento di sarcastycon | 02/12/2007

  5. Scusate se mi intrometto, ma voi sapete che “la nostra Civiltà” si basa proprio su quell’Illuminismo che il Papa attacca così spesso?
    Volete difendere la “nostra” civiltà oppure quella del Sacro Romano Impero?

    Commento di globali | 03/12/2007

  6. Benvenuto globali

    nessuna scusa è dovuta,intromettiti pure quando vuoi.
    L’illuminismo ha avuto i suoi pregi e i suoi difetti,come tutte l’ere che portano novità.
    Non c’è dubbio che l’illuminismo, che ha portato allo sviluppo della scienza, sia stato positivo.Ed è altrettanto comprensibile che la corrente filosofica, nel filone ateo ,non possa essere gradita alla chiesa.
    Ma qui stiamo parlando di tempi, ormai lontani, superati dagli eventi odierni.
    La nostra Civiltà è composita,ha avuto alti e bassi,momenti contraddittori,rivoluzionari e momenti di grande sviluppo dell’arte e della Cultura. Tutto fa parte della nostra Civiltà nel bene e nel male o meglio al di là del bene e del male,come dice Nietzsche.
    Quello che voglio evidenziare in questo post,non sono le diverse interpretazioni storico-filosofiche o religiose, di un passato più o meno recente,che sono solo ludus mentis,ma guardare al pericolo reale che incombe su tutti.
    Su questa strada,di comune difesa,bisogna camminare e credo che, effettivamente, sia la nostra ultima spes.
    ciao
    sarc.

    Commento di sarcastycon | 03/12/2007

  7. Una cosa è chiarissima ed è quella che anche ieri il Papa ha ripetuto: la scienza avrà i suoi pregi (quando è usata a servizio dell’uomo) ma non può salvare l’uomo.
    Ma l’Enciclica, che sto leggendo ed è davvero appassionante per la vastità delle argomentazioni, non ha come tema né l’illuminismo né il comunismo, ma la speranza cristiana.

    Commento di Anna | 03/12/2007

  8. Anna il tema principale ovviamente è quello religioso,su cui non intervengo, ma indubbiamente è la parte storico-filosofica-politica che interessa i non credenti.
    Quello che dice un papa ha sempre una valenza oltre la fede,che piaccia o non piaccia agli scalfarucci ignoranti.

    A quanto pare sono uno dei pochi che ha già letto tutta l’enciclica!!!
    ciao
    sarc.

    Commento di sarcastycon | 03/12/2007

  9. Ti dirò che la parte storica, politica, filosofica interessa anche i credenti, ma in quanto è illuminata dalla fede e contribuisce a confermare la capacità di giudizio che nasce dalla fede!
    Perchè fede e ragione non sono in contraddizione!

    Commento di Anna | 04/12/2007

  10. Anna
    prova a spiegarlo a scalfari!!!
    ciao

    Commento di sarcastycon | 04/12/2007

  11. Grandissima analisi. Bravo

    Commento di antonio | 05/12/2007

  12. Antonio
    approvi?
    ciao

    Commento di sarcastycon | 05/12/2007

  13. Scalfari?
    Ma lui è abituato a non leggere prima di giudicare!
    Come molti altri.

    Commento di Anna | 06/12/2007

  14. Anna
    a me non piacciono gli inciuci “come a molti altri”
    ciao

    Commento di sarcastycon | 08/12/2007

  15. L’ho letta a volo d’uccello, a spizzichi e bocconi, ma mi pare che la “Spe-ranza” di Benedetto XVI non è la statica attesa del Messia, ma il richiamo forte e penetrante della Madre del Cristo triste che piange per la nostra insulsaggine.
    Avete letto la risposta che il Pontefice dà ai famosi 138? Beh, è sintomatica di una attenzione sospettosa degna di un grande. Questa è la Chiesa di Ratzinger. Non a caso ha assunto il nome del fondatore della nostra cultura! E’ quella che sa leggere i segni del tempo; ha capito che è il momento della sveglia al cospetto dell’incombente Anticristo.
    X Anna, purtroppo c’è ancora nell’ambito di Essa chi si ostina a credere ancora in un dialogo interreligioso, non solo criticandoLo, ma chiamandoLo “ignorante”.
    Consulta fra tutti http://www.ildialogo.org scoprirai quale accoglienza ricevono certi cattolici intellettuali di “maniera”…
    http://francoazzurro.wordpress.com

    Commento di francoazzurro | 13/12/2007

  16. x francoazzurro
    io sostengo,da sempre,che il problema sono gli italiani e gli europei in genere.I muslim fanno la loro guerra ,sia ideologica che reale. Noi non facciamo che calarci le brache ed i primi ad essere meravigliati sono proprio gli islamici.
    saluti sarc.

    Commento di sarcastycon | 14/12/2007

  17. Eccellente come al solito, succinto e compendioso.
    Tanto mi è piaciuto che mi sono permesso di passarlo sul sito di Adriana che l’ha immediatamente pubblicato.
    Controllalo a q. indirizzo:
    http://www.lisistrata.com/cgi-bin/tgfhydrdeswqenhgty/index.cgi?action=viewnews&id=2545

    Commento di francoazzurro | 19/01/2008

  18. Grazie
    francoazzurro
    ciao
    Sarc.

    Commento di sarcastycon | 19/01/2008


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: