Zibaldino

Lo “zero”: non solo matematica

Lo guardi e non lo vedi
lo ascolti e non lo senti
ma se lo adoperi è inesauribile

 

(dal “ Tao Te King” di Lao Tse, VI sec a.C.)

             E’ il Tao, l’Assoluto, ma sono parole che  si adattano bene anche allo zero, un numero molto speciale e, per molto tempo, avversato, che richiede un esame attento. E’ un numero  nel cui substrato si annidano, oltre la matematica, i concetti del Nulla e dell’Infinito.

             Il concetto di zero, appartiene alla cultura indiana, come del resto le altre cifre dall’uno al nove, oggi in uso, fu, in Europa, inizialmente guardato con sospetto, in fondo usare lo zero comportava l’ammissione dell’esistenza del Nulla, con le relative implicazioni filosofiche e religiose.

             Questa avversione aveva radici lontane: i greci, sia in epoca classica che in  epoca ellenistica, non danno un valore numerico al nulla. Per di più  grandi  filosofi, come  Platone ed Aristotele, ne teorizzavano la non esistenza.  Se il niente non può esistere, non può esistere neanche un numero che lo rappresenti e su  questo indirizzo era anche la chiesa.

            Gerberto d’Aurillac, celebre matematico,più conosciuto come papa Silvestro II nel 999, è stato fra i primi divulgatori, nella cultura  occidentale, delle cifre indiane e dello zero. Cifre, trasmesseci dagli arabi, che aveva conosciuto durante un suo viaggio in Spagna nel 967. Molti dubbi rimanevano tra i teologhi più intransigenti  ma, da lui in poi,lo zero assume il suo ruolo fondamentale,  tanto che  in un manoscritto del monastero di Salem, del XII secolo si può leggere:
Ogni numero nasce dall’Uno e questo deriva dallo Zero. In questo c’è un grande sacro mistero: Dio è rappresentato da ciò che non ha né inizio né fine; e proprio come lo zero non accresce né diminuisce un altro numero al quale venga sommato o dal quale venga sottratto, così Egli né cresce né diminuisce”.

 

         Lo zero ha la proprietà di “essere” il nulla o l’infinito, moltiplicando un numero per zero il risultato è sempre zero, dividendo un numero per zero il risultato è infinito. Dunque lo zero è l’ alfa o l’omega: il principio o la fine.

 

       Forse dipende da noi la scelta dell’operatore: moltiplicare o dividere?

———————————————————————————

Alcune notizie sulla storia dei numeri.

          I numeri sono antichi tanto quanto il genere umano, anche l’uomo del paleolitico doveva  contare “qualcosa” ed è sempre stata una necessità della vita di tutti i giorni. Ad esempio nella pastorizia, contare il numero dei capi era essenziale, ma intuitivamente si partiva dal numero uno:  1 pecora,2 pecore  etc.         Che significato poteva avere zero pecore? Nessuno a quel tempo. Per questo motivo gli antichi popoli come egizi, greci, romani  non conoscevano lo zero, i babilonesi  che erano molto evoluti, consideravano due simboli cuneiformi,quasi due barrette oblique, non tanto come zero quanto come mancanza di una cifra.  (Il sistema babilonese era sessagesimale )

 

          Molto probabilmente i primi ad adottare lo zero, come numero, furono i Maya,con il loro sistema vigesimale ,cioè in base venti.

 

        I Maya per indicare un ordine numerico vuoto inventarono lo zero. Lo rappresentavano usando diversi glifi per lo più a forma di conchiglia. Si pensa che l’introduzione  del numero zero sia dovuta anche per motivi  religiosi, non dimentichiamoci che i maya avevano elaborato un calendario molto preciso e sapevano fare calcoli astronomici elaborati, che servivano a determinare le date delle ricorrenze religiose. Un calendario  che arriva fino al nostro 2012!!!

            Il Brahmasphutasiddhanta costituisce la fonte più antica conosciuta,dopo i maya, a considerare lo zero un numero ed enuncia anche regole aritmetiche  e sui numeri negativi.

           L’aspetto più interessante  è l’ usare un numero limitato di simboli con cui scrivere tutti i numeri, secondo alcuni studiosi, dovuto alla conoscenza diretta o tramite i greci, del sistema sessagesimale babilonese, ben più antico. Gli indiani avrebbero allora iniziato ad utilizzare solamente i primi 9 simboli del loro sistema decimale in caratteri Brahmi, in uso dal III secolo a.C. Questi simboli assumono forme leggermente diverse secondo le località ed il periodo temporale, ma sono comunque questi che gli arabi più tardi copiarono e che, in seguito sono passati in Europa fino alla forma definitiva standardizzata dalla stampa nel XV secolo.

Indiani (XI sec. d.C.)

numerazione posizionale, a base decimale 

           Gli Indiani, oltre ai simboli dei numeri, ebbero l’intuizione geniale d’inventare lo “zero”. Quest’idea del “nulla”, che impregna il misticismo religioso induista, è importantissima per  la matematica: il nostro sistema di numerazione  decimale e posizionale si basa, infatti, su unità, decine, centinaia, etc..

          L’uso dello zero ci permette di scrivere con poche cifre, ad esempio il numero “200” che significa  due  centinaia  zero decine e zero unità“.

 

         Direi che l’affermazione dello zero e del sistema decimale-posizionale, in Italia ed in Europa, sia dovuta principalmente, oltre al già citato papa Silvestro II, al grande matematico  Leonardo Fibonacci.

Gli arabi chiamavano lo zero sifr (صفر): questo termine significa “vuoto” ma nelle traduzioni latine veniva indicato con “cephirum”, cioè zefiro (nella mitologia greca  è la personificazione del vento di ponente).Infatti nel  “Liber  abaci” di Leonardo Fibonacci (Pisa 1170 – Pisa 1250) si può leggere:

“Novem figure indorum he sunt 9 8 7 6 5 4 3 2 1 Cum his itaque novem figuris, et cum hoc signo 0, quod arabice zephirum appellatur, scribitur quilibet numerus, ut inferius demonstratur.” 

( Ci sono nove figure degli indiani: 9 8 7 6 5 4 3 2 1. Con queste nove figure, e con il simbolo 0, che gli arabi chiamano zephiro, qualsiasi numero può essere scritto, come dimostreremo.) 

Da zephirus si ebbe zevero e quindi zero.

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

22/06/2008 - Posted by | Varie | , , , ,

7 commenti »

  1. Ho trasferito il commento OT su un post e nell’altro mio blog più consono a questioni di trash politic.
    saluti
    sarc.
    link
    http://sarcastycon.wordpress.com/2008/02/25/falce-e-martelloi-koglioni-in-spe/

    Commento di ZeroA | 22/06/2008

  2. Dio ama gli uomini e non è il suo inferno ma il suo punto forte.L’uomo non è più servo , ma figlio. I musulmani hanno nei nomi la radice adb-che significa schiavo ; vedi abdallah, abdel, abdullah etc come sempre bertoldo

    Commento di bertoldo | 08/07/2008

  3. Probabilmente lo zero è un concetto “relativistico”,nel senso che da solo non significa nulla (zero pecore…),ma in relazione con altri numeri significa molto.Se mi passate la battuta,gli indiani erano einsteniani.

    Commento di johnny doe | 13/03/2010

  4. Johnny
    lo zero è uno strano numero legato anche all’infinito ed è quello che manda in tilt molte formule fisiche…
    ciao
    Sarc.

    Commento di sarcastycon | 13/03/2010

  5. Non meditiamo mai abbastanza su questi temi.
    Trovo l’articolo molto interessante. Grazie.

    Commento di Liliana Morena | 02/03/2011

  6. E.N.D
    (Essere, Nulla, Divenire)

    Non UNO, ma primo.
    Assoluto,Tutto.
    Prima e dopo,
    Infinito.
    Intero,
    ZERO.

    19-09-2013 by Lucha

    Commento di Lucha Libre | 15/10/2013


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: