Zibaldino

La realtà mediata. (prima parte)

 

     Nel post L’islam visto da Marco Polo, Schopenhauer ed Hegel., in un commento, parlando di Schopenhauer, sono entrato nel tema del “Mondo come volontà e rappresentazione”, soffermandomi, brevemente, sui concetti di “rappresentazione” e di ”mediazione” e sulla funzione dei sensi nel rappresentarci la realtà, secondo il pensiero del filosofo.

      Certamente il senso che ci da, o dovrebbe dare,  un‘ immagine più congrua del mondo  reale è  la vista.  Ma quanto sono  attendibili le immagini che vediamo?

      Se si esamina il percorso dall’oggetto visto fino alla sua immagine riprodotta in noi, ci accorgiamo che vi sono molte possibilità di interferenze e di errori casuali e sistematici.

      I fotoni della luce passano attraverso il cristallino, che è una lente naturale trasparente e biconvessa dell’occhio, una struttura che, insieme alla cornea, consente di mettere a fuoco  l’immagine sulla retina.

      Dalla retina successivamente, attraverso il nervo ottico, l’immagine giunge al cervello che la rielabora.

      In questo percorso ci sono varie  possibilità di errori, ad esempio il cristallino può essere “difettoso”, vedi  astigmatismo, miopia, presbiopia, i coni ed i bastoncelli della retina possono essere più o meno sensibili e fin qui siamo nel range dell’errore sistematico, correggibile, almeno  in parte, con mezzi tecnici come gli occhiali e con una tecnologia avanzata, con il laser.

      Ma c’è di più, dato che gli occhi, non trovandosi nella stessa posizione, “vedono “ da due angolazioni diverse ed inviano al cervello  due immagini che, oltre ad essere capovolte  e, spesso incomplete, vanno rielaborate per dare la visione tridimensionale dell’oggetto.

     Quindi il nostro vero organo della vista non è  l’occhio ma il cervello.

     E’ il cervello che rovescia le immagini capovolte che gli arrivano dall’occhio.

     E’ il cervello che rende 3D le immagini ricevute.

     E’ il cervello che valuta la distanza di un oggetto. 

E’ il cervello  che corregge  un’immagine completandola delle parti mancanti, confrontandola con immagini che ha in “archivio”. 

    E’ il cervello che stabilizza le immagini, anche quando i nostri occhi ruotano e, nel caso in cui parti della retina non funzionino più, è sempre il cervello che usa tutti i trucchi possibili per mostrare un’immagine coerente e senza buchi.     

     Mi sembra chiaro, a questo punto, che la rappresentazione della realtà sia mediata dai nostri sensi, come dice Schopenhauer e modificata dal nostro cervello. Conseguentemente si può dedurre che  la  visione della realtà cambia da individuo ad individuo, secondo la sua struttura biologica.

    Allora ci possiamo porre la domanda  cosa vediamo?  Un mondo reale o una sua  immagine rivista e corretta e quindi approssimativa?

      Indubbiamente la seconda ipotesi. E’ una posizione filosoficamente ”scomoda” che ha come sfondo un relativismo che può diventare anche eccessivo.

(continua)

 

 

Annunci

23/10/2008 - Posted by | Varie | , , ,

4 commenti »

  1. Belle riflessioni, che richiedono almeno una rilettura approfondita, per poter elaborare un commento appropriato. Comunque, conoscendoti, provo ad immaginare una delle tante conclusioni cui vorrai arrivare nella seconda, e forse terza e quarta parte.
    Ciao.

    Commento di Marshall | 23/10/2008

  2. Ciao, Sarc
    Ho visto e ti ringrazio.
    Scusami il ritardo ma capirai che, con le feste dei morti che si avvicinano sono fortunatamente preso a vendere zucchero in giro.
    Oltretutto ho preso una specie di otite che mi comporta un mal di testa da scoppiare: non mi era mai successo e mi debbo sorbire la presa in giro di mio figlio che la mena con la vecchiaia.
    Mah, cose che succedono.
    Fortunatamente le banche con le quali lavoro mi hanno assicurato che, nei miei confronti, non opereranno nessuna riduzione di fido ma, sai com’è, sono parole di banche, non c’è da fidarsi molto.
    Un salutone ed a presto.

    Commento di Fort | 23/10/2008

  3. Marshall
    penso di terminare con 2…..
    ciao

    xFort
    ciao a presto

    src.

    Commento di sarcastycon | 23/10/2008

  4. davanti a un post così interessante non so se si possa aggiungere molto, se non correre a vedere il seguito.

    Ma ti posso linkare una cosa. L’estetica intesa come teoria della percezione è dall’inizio del pensiero un tema davvero affascinante.
    Qui l’opera omnia di Tommaso, Aquinas, che nell’estetica è stato rivoluzionario per la sua epoca

    http://www.corpusthomisticum.org/iopera.html

    e qui un altro classico

    http://www.augustinus.it/italiano/index.htm

    certo non Schopenauriani:), ma i siti sono fatti bene
    anche se sono sicuro che avrai già tutta l’opera cartacea da come scrivi.

    Commento di Josh | 06/11/2008


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: