Zibaldino

Marco d’Aviano parte 2°

Secondo post dell’amico Marshal

Marco d’Aviano, santo ed eroe dimenticato

Il suo Barbarossa è nelle sale, e Renzo Martinelli è già da tempo impegnato alla preparazione del suo prossimo film: Marco d’Aviano . Dovrebbe essere un film ancor più spettacolare del Barbarossa; infatti, se in questo ha dovuto ricostruire la Milano del XII secolo, nel Marco d’Aviano dovrà ricostruire la Vienna di fine ‘600. A rendere colossale il film, poi, ci dovrebbe essere la scena principale, la quale dovrebbe riguardare l’assedio di Vienna, iniziato il 12 luglio 1683 con l’arrivo delle prime avanguardie turche nei sobborghi di Vienna. La consistenza dell’esercito turco, al completo, è stata variamente valutata in 200.000 – 300.000 uomini, ma è più verosimile fossero all’incirca 140.000. Ammettendo per buono questo dato, sarebbero comunque stati il doppio rispetto alla coalizione formata da forze austriache, sveve, bavaresi, sassone, francone assommanti a 70.000 uomini, di cui 30.000, ben addestrati, provenivano dalla sola Polonia, comandati da re Giovanni Sobieski. I preparativi per la battaglia furono intrapresi la sera dell’11 settembre; l’indomani, domenica 12 settembre 1683, ebbe luogo quella che viene ricordata come la battaglia di Vienna ; una battaglia dal cui esito sarebbe dipeso il futuro corso della storia europea. In caso di vittoria ottomana, infatti, l’Europa sarebbe stata islamizzata di forza. E secondo il terribile progetto del gran visir Kara Mustafà, progetto che in Europa si credeva o si pensava di conoscere, questi aveva in mente di “espugnare Vienna e Praga, frantumare le forze di Luigi XIV sul Reno, e marciare su Roma per fare di San Pietro le scuderie del sultano”.
Con un impiego di forze di quella proporzione, Vienna – assediata e parzialmente svuotata da suoi abitanti, datisi a precipitosa fuga nell’imminenza del pericolo – secondo quel progetto turco, sarebbe dovuta capitolare in pochi giorni. Invece resistette ad oltranza, dando così modo alla coalizione amica di organizzare gli aiuti. I viennesi sentivano che la posta in gioco era troppo grande: Vienna era considerata l’ultimo baluardo contro l’avanzata irrefrenabile dell’islam, che era culminata nel 1453 con la conquista di Costantinopoli (ora Istanbul) da parte dei turchi ottomani; impresa che aveva posto fine all’Impero Romano d’Oriente, o Impero Bizantino.
Il regista dovrà anche saper rappresentare il terrore patito dal popolo viennese durante i tremendi due mesi dell’assedio: “i bastioni non erano fortificati e muniti, i cannoni scarseggiavano, mentre dall’alto delle mura gli assediati potevano vedere le tende mussulmane che si stendevano a perdita d’occhio nei dintorni”. Il terrore dei viennesi veniva anche alimentato dai racconti di quanto avvenuto 112 anni prima, nel 1571, nell’isola di Cipro, presa ai veneziani dall’assalto dei turchi. Era successo un fatto terrificante, di bestialità e crudeltà inaudita, oggi minimizzato e quasi trascurato dalla storia; una storia di cui rimando la lettura attraverso Wikipedia, riguardante l’assedio di Famagosta e l’orribile assassinio del suo Capitano Generale Marcantonio Bragadin , nonchè Governatore di Cipro (il fatto è descritto molto bene nel libro di Catherwood Christopher, “La follia di Churchill, l’invenzione dell’Iraq”. Questi, con dovizia di particolari, ha descritto le atrocità compiute dai turchi ottomani che occuparono l’isola, e l’orribile fine cui fu sottoposta la numerosa scorta di Bragadin, andata là con lui in pompa magna, come fossero andati ad una festa, per firmare la resa e consegnare le chiavi della città. Erano completamente disarmati, in segno di pace). Tale fatto dovrebbe essere ricordato nel futuro film di Martinelli su Marco d’Aviano, per far capire agli spettatori la ragione di così grande paura nei confronti dei turchi ottomani. Famagosta, dopo 22 anni di ininterrotto assedio – forse il più lungo della storia – dovette capitolare, per stenti e fame; nè i residenti potettero contare su aiuti di esterni, o della madre patria Venezia, perchè impegnati nei preparativi per quella che sarebbe poi stata la battaglia che tanto ha influito sul successivo corso della storia: la battaglia di Lepanto , avvenuta il 7 ottobre 1571.
A padre Marco d’Aviano andrebbe riconosciuto il merito maggiore per la vittoria delle forze cristiane su quelle islamiche nello scontro decisivo di Vienna; lo si può intuire anche leggendo la sua biografia, unita agli atti per il processo di canonizzazione ( biografia di padre Marco d’Aviano ) . Eppure, nelle enciclopedie, nei libri di storia delle scuole superiori, almeno quelli più retrodatati, Marco d’Aviano non viene nemmeno citato. Completamente trascurato. Ne è riprova il fatto che, chiedendo in giro chi sia Marco d’Aviano, pochi o nessuno saprà rispondere; dovrebbe essere almeno conosciuto in Polonia e in Austria, sua patria adottiva, e soprattutto a Vienna, dove è sepolto, vicino ai reali d’Austria. Una rivalutazione, una riscoperta del beato, da quelle parti, pare sia però avvenuta solo di recente; prima, sembra sia stato dimenticato anche là. Infatti, quando nel 1883 “si celebrò solennemente il secondo centenario della liberazione di Vienna, nei discorsi e nelle commemorazioni di circostanza non ci si ricordò nemmeno di un certo padre Marco d’Aviano, il quale era stato, vedi combinazione! – una delle cause determinanti della grande vittoria che aveva salvato Vienna, l’impero, l’Europa. Dato il tempo e il luogo, non si può certo dire che si trattasse di un silenzio casuale”. E sarà forse stato anche per la probabile venerazione di cui dovrebbe godere in Polonia, che papa Wojtyla, il papa polacco, prima di morire, ha voluto beatificarlo, domenica 27 aprile 2003, chiudendo il lungo processo di beatificazione e canonizzazione . Durato 300 anni, era iniziato nel 1703, dopo appena 4 anni dalla morte di padre Marco d’Aviano (beatificazione di padre Marco d’Aviano).

Marco d’Aviano, una vita da santo eroico, tutta spesa per la conservazione dell’indipendenza politica e religiosa dell’Europa dall’invadenza islamica turca ottomana. Santa, la prima parte della vita, anche per i miracoli documentati, che gli sono stati attribuiti; defatigante la seconda, per i numerosi viaggi – molto disagevoli per quell’epoca – compiuti per raggiungere le corti d’Europa, ove era molto richiesta la presenza di un frate già in odore di santità; santa ed eroica la terza ed ultima parte della vita, per la sua onnipresenza sui campi di battaglia, da Vienna, Buda, Belgrado, per sostenere e incoraggiare i soldati, spronandoli a combattere eroicamente per la salvezza del cristianesimo, e, con esso, dell’Europa.

Post correlati: Marcantonio Bragadin , Marco d’Aviano , Cavalieri di santo Stefano

Annunci

25/10/2009 - Posted by | Varie

2 commenti »

  1. Marshall
    Il post è importante per dimostrare a “certe” persone di che pasta erano fatti i ns. antenati e se oggi viviamo non soggetti all’islam,dobbiamo ringraziare S.PioV, Marco d’Aviano e tutti coloro che hanno combattuto per la loro libertà ma anche per la nostra.
    Francamente, vedendo gli squallidi epigoni nostrani, non so quanto,questa libertà, potrà durare.
    ciao
    Sarc.

    Commento di sarcastycon | 25/10/2009

  2. Grazie per averlo inserito anche nel tuo blog. Da qui, inoltre, si può accedere direttamente agli allegati (link), diversamente che da Aquaeductus.
    E’ vergognoso che un personaggio del genere venga trascurato dalla storiografia scolastica. Considerando il tutto, penso gli si possano attribuire più meriti rispetto a Giovanna d’Arco, ma mentre questa è santa già da parecchio tempo, è patrona di Francia ed è ricordata da tutti, d’Aviano, è sconosciuto a tutti, e l’ho scoperto per puro caso. Inoltre è stato fatto beato da poco tempo, e grazie all’intervento di un papa straniero, venuto dall’Est.
    Ciao.
    Marsh

    Commento di Marshall | 27/10/2009


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: